Un fisioterapista professionista che effettua un trattamento alla gamba di una paziente in uno studio luminoso, sottolineando l'importanza della riabilitazione e della terapia fisica.

Condividi

Fisioterapia

Il potere della terapia fisica: dalla prevenzione alla riabilitazione

Raffaele Iorio

11/08/2023

Condividi

Nel vasto campo della medicina, la terapia fisica è utilizzata in moltissimi studi o centri fisioterapici.

Ma cosa si intende esattamente per terapia fisica?

Si tratta di un tipo di trattamento che utilizza mezzi fisici per prevenire, curare o riabilitare diverse condizioni di salute.

Include una varietà di tecniche e approcci terapeutici che mirano a migliorare la mobilità, la forza e la funzionalità del corpo, riducendo il dolore e migliorando la qualità della vita. Questo articolo si propone di fornire una panoramica di cosa sia la terapia fisica, i suoi ruoli e le sue applicazioni…e anche i suoi limiti.

Cosa si intende per terapia fisica?

La terapia fisica, che fa parte delle tecniche di fisioterapia, è una disciplina che si occupa della prevenzione, della cura e della riabilitazione di condizioni, malattie e traumi, che influenzano la mobilità e la funzionalità fisica di un individuo, attraverso l’uso di una strumentazione che sfrutta mezzi fisici ai fini antalgici e/o antinfiammatori.

Questi possono includere tecarterapia, ultrasuonoterapia, elettroterapia, laserterapia, magnetoterapia. Vediamole meglio.

Tecarterapia

La Tecarterapia è uno degli approcci più noti in questo ambito.

Combina le proprietà del calore con quelle della corrente elettrica per produrre un effetto antalgico e antinfiammatorio.

Questo metodo è particolarmente usato nel trattamento di tendiniti, artrosi e contratture muscolari.

Ultrasuonoterapia

Un altro strumento ampiamente utilizzato da decenni è l’ultrasuonoterapia.

Gli ultrasuoni, emessi da un apposito dispositivo, producono un’onda sonora ad alta frequenza che penetra nei tessuti, generando un calore profondo. Mentre la ricerca ha mostrato che possono accelerare la guarigione in certe lesioni, la qualità e la metodologia di alcuni studi sono state criticate, rendendo necessarie ulteriori ricerche per confermarne l’efficacia in maniera definitiva.

Elettroterapia

È molto utilizzata nella riabilitazione post-traumatica e in presenza di edemi.

L’utilizzo di correnti elettriche ha dimostrato di poter stimolare i tessuti e promuovere il recupero.

Tuttavia, la sua efficacia può variare a seconda del tipo di corrente e della patologia trattata.

Alcuni pazienti potrebbero non trarre beneficio o potrebbero riscontrare effetti collaterali.

Laserterapia

Questa tecnica è usata in caso di lesioni, infiammazioni e ferite.

Sebbene alcuni studi abbiano confermato l’efficacia della laserterapia nel ridurre il dolore e l’infiammazione, altri hanno suggerito che i benefici possono essere simili a quelli di un placebo.

Solo per il Laser ad alta potenza la scienza ha confermato che funziona a livello antalgico per una sottocategoria di pazienti – circa il 40% – con tendinopatia.

La ricerca in altri campi è in corso.

Magnetoterapia

La magnetoterapia è spesso consigliata per trattare fratture, osteoporosi e problemi legati alla circolazione.

L’uso di campi magnetici per trattare affezioni muscolo-scheletriche ha raccolto dati contrastanti.

Alcune ricerche indicano benefici, soprattutto nel trattamento dell’osteoporosi, mentre altre studiano la sua efficacia rispetto a trattamenti tradizionali.

Le tecniche di terapia fisica strumentale, sebbene siano utilizzate in molte cliniche e centri di riabilitazione, presentano ancora aree di incertezza riguardo alla loro efficacia.

In più, come per tutte le terapie, l’approccio “one-size-fits-all” non è applicabile.

Ogni paziente è unico, e ciò che funziona per uno potrebbe non funzionare per un altro.

È essenziale una valutazione attenta e individualizzata per determinare il miglior percorso terapeutico. E, come sempre, la ricerca scientifica è in continua evoluzione, e nuovi studi possono fornire ulteriori informazioni sull’efficacia di queste tecniche.

Fisioterapia e riabilitazione

La fisioterapia, con l’insieme delle sue tecniche, gioca un ruolo importante nel processo di riabilitazione.

Riabilitazione è un termine che si riferisce a un percorso per aiutare le persone a recuperare le funzioni fisiche, mentali o sensoriali che sono state perse o compromesse a causa di una malattia, di un infortunio o per età.

Ogni programma di riabilitazione deve essere personalizzato per le esigenze del paziente, tenendo conto della sua condizione, della sua salute generale e degli obiettivi personali.

Nel contesto della riabilitazione, la fisioterapia può includere una serie di interventi.

Ad esempio, può includere esercizi per migliorare la forza e la flessibilità, terapie manuali per ridurre il dolore e migliorare la mobilità, e programmi di esercizio per migliorare l’equilibrio e la coordinazione.

Può anche includere l’educazione del paziente su come gestire la propria condizione e prevenire futuri problemi di salute.

E non solo aiuta a recuperare le funzioni fisiche.

Ha anche un forte impatto psicologico, poiché aiuta a riguadagnare la fiducia nelle proprie abilità, a migliorare la qualità di vita e a tornare alle attività che si amano.

Inoltre, incoraggia un atteggiamento attivo nei confronti della propria salute, che può avere un effetto positivo sulla motivazione, sull’autostima e sul benessere generale.

In conclusione, la fisioterapia, in generale, è un elemento chiave della riabilitazione, perché i pazienti possono recuperare le funzioni perse, migliorare le loro capacità fisiche e ottimizzare la loro salute e il loro benessere a lungo termine.

Il ruolo del fisioterapista

La figura del fisioterapista gioca un ruolo cruciale nel campo della riabilitazione.

Oltre alla vasta conoscenza anatomica e biomeccanica, un fisioterapista competente coniuga diverse tecniche terapeutiche per garantire il miglior percorso di cura al paziente.

Le tecniche strumentali, come quelle precedentemente citate, rappresentano un insieme di strumenti che, se usati correttamente, possono ampliare l’approccio terapeutico.

Tuttavia, è fondamentale che queste tecniche siano supportate da evidenze scientifiche.

Perché?

La risposta risiede nella sicurezza e nell’efficacia.

Un trattamento basato su dati empirici e ricerche ben condotte garantisce al paziente un intervento che ha dimostrato di essere sicuro ed efficace.

Questo approccio basato sull’evidenza minimizza il rischio di effetti collaterali e ottimizza i risultati terapeutici.

La terapia manuale, ad esempio, è una tecnica che ha secoli di applicazione e una vasta letteratura scientifica che ne attesta l’efficacia.

In conclusione, la scelta delle tecniche terapeutiche da parte del fisioterapista dovrebbe radicarsi nell’evidenza scientifica e nella profonda conoscenza delle necessità del paziente.

Optare per metodi validati scientificamente non è solo una questione di professionalità, ma un impegno etico verso il paziente, assicurando un percorso di cura basato su ciò che la ricerca ha dimostrato essere efficace e sicuro.

Articoli correlati


Deprecated: Creation of dynamic property ElementorPro\Modules\LoopBuilder\Files\Css\Loop::$post_id is deprecated in /www/raffaeleiorio_819/public/wp-content/plugins/elementor-pro/modules/loop-builder/files/css/loop.php on line 58
Cervicale
Raffaele Iorio
11/08/2023