Warning: Undefined array key "options" in /www/raffaeleiorio_819/public/wp-content/plugins/elementor-pro/modules/theme-builder/widgets/site-logo.php on line 192
Gestire il dolore cervicale: farmaci vs terapia manuale - Studio Koinè
Una donna si tiene la parte posteriore del collo, evidenziando un'area rossa che simboleggia dolore cervicale. Il disagio visibile sul collo suggerisce la necessità di un trattamento di fisioterapia per alleviare la tensione e il dolore in questa area critica.

Condividi

Cervicale

Gestire il dolore cervicale: farmaci vs terapia manuale

Raffaele Iorio

11/08/2023

Condividi

Il dolore cervicale è un disagio molto diffuso, che colpisce un’ampia percentuale di popolazione e che può avere un impatto significativo sulla qualità della vita.

Di fronte a un dolore cervicale, la risposta più immediata e comune è quella di ricorrere all’uso di farmaci.

Questi, infatti, sono in grado di donare un sollievo rapido e di attenuare il senso di disagio.

Tuttavia, è importante considerare che l’uso dei farmaci rappresenta solo una terapia temporanea e passiva, che interviene sugli effetti, ma non sulla causa del problema.

Con questo articolo vogliamo aiutarti a prendere decisioni consapevoli sulla tua salute.

Esploreremo la differenza tra l’approccio farmacologico e quello della terapia manuale, sottolineando l’importanza di quest’ultima per il trattamento dei dolori cervicali.

Quest’ultima, infatti, è una terapia attiva: non si limita a lenire i sintomi, ma ha l’obiettivo di risolvere la causa scatenante del dolore cervicale.

Ciò permette di ottenere risultati più duraturi e, soprattutto, di migliorare la qualità della vita della persona, intervenendo in maniera mirata sull’origine del problema.

Dolori cervicali e farmaci: una terapia temporanea

Tra i rimedi più comunemente adottati per gestire il dolore cervicale ci sono i farmaci, come gli analgesici e gli antinfiammatori.

Questi farmaci possono offrire un sollievo immediato dal dolore e dall’infiammazione.

Sono spesso il primo intervento in caso di dolore acuto, poiché possono aiutare a ridurre il fastidio e a migliorare la qualità della vita.

Tuttavia, l’uso di farmaci per i dolori cervicali rappresenta una terapia temporanea e passiva, perché non affrontano la causa sottostante del dolore e l’uso prolungato può portare a effetti collaterali indesiderati.

Perché l’uso dei farmaci è una terapia passiva?

Perché non richiede un’azione attiva da parte del paziente e non lavorano sulla causa del problema.

Il paziente, infatti, assume il farmaco e attende che l’effetto si manifesti: si tratta di un approccio reattivo e non proattivo.

Non partecipa attivamente al suo recupero, ma si limita a subire l’effetto del farmaco.

Facendo così, non prende la propria salute nelle proprie mani.

Questa passività può portare a un atteggiamento di dipendenza dal farmaco, in cui il paziente si sente impotente di fronte al suo dolore e si affida totalmente all’azione del medicinale.

Inoltre, questa mancanza di partecipazione attiva non stimola il paziente a cambiare gli stili di vita o le abitudini che possono aver contribuito all’insorgenza del dolore cervicale.

E seppure i farmaci possono essere molto utili nel breve termine, l’uso prolungato può portare a vari problemi.

Gli effetti collaterali possono includere problemi di stomaco, ulcere, aumento del rischio di attacchi cardiaci, e, nel caso di alcuni analgesici, dipendenza.

Come negli Stati Uniti, dove milioni (proprio così purtroppo, pare siano più di 10.000.000) di persone sono dipendenti dagli antidolorifici a base di oppio.

Infine, è importante sottolineare che l’uso di farmaci per il trattamento dei dolori cervicali ha una efficacia limitata nel tempo.

Questi possono aiutare a gestire il dolore a breve termine, ma non risolvono la causa sottostante.

Pertanto, la loro efficacia diminuisce nel tempo, rendendo necessario un approccio terapeutico più completo e orientato alla risoluzione della causa del dolore

Da qui l’importanza di terapie che vedano il paziente come protagonista attivo del suo percorso di cura, come la terapia manuale.

Questo approccio non solo può aiutare a gestire il dolore, ma favorisce una migliore consapevolezza del proprio corpo e la prevenzione di ulteriori episodi di dolore cervicale.

La terapia manuale: un approccio attivo alla guarigione

A differenza dei farmaci, la terapia manuale offre un approccio attivo e più sostenibile al trattamento dei dolori cervicali.

Attraverso tecniche manuali specifiche, il fisioterapista lavora direttamente sulla causa del dolore per ridurre o eliminare il problema.

La terapia manuale rappresenta una soluzione attiva e integrata al problema dei dolori cervicali.

Si tratta di un insieme di tecniche che vanno a lavorare direttamente sulle strutture del corpo responsabili del dolore, con l’obiettivo di ripristinare la corretta funzionalità e prevenire la ricomparsa dei sintomi.

Il terapista manuale, attraverso manipolazioni precise e controllate, può intervenire su disallineamenti vertebrali, contratture muscolari, rigidità articolare, e molto altro ancora.

In questo modo, non si limita a mascherare il dolore, come fanno i farmaci, ma agisce sulla causa profonda del problema.

Questo tipo di terapia richiede un impegno attivo da parte del paziente, che è chiamato a collaborare con il terapista durante le sedute e a svolgere esercizi specifici a casa.

Questo approccio responsabilizza il paziente e lo rende protagonista del suo percorso di cura, contribuendo a migliorare l’efficacia del trattamento.

Inoltre, la terapia manuale può essere associata a un programma di educazione posturale e di esercizio fisico, volto a rinforzare la muscolatura, migliorare la flessibilità e promuovere abitudini di vita salutari.

In questo modo, non solo si contrastano i sintomi presenti, ma si mettono in atto strategie efficaci per prevenire il ritorno del dolore.

Conclusione

I dolori cervicali possono avere un impatto significativo sulla qualità della vita, riducendo la capacità di svolgere le attività quotidiane e compromettendo il benessere generale.

Se i farmaci possono fornire un sollievo immediato, spesso non rappresentano una soluzione a lungo termine.

È fondamentale considerare opzioni terapeutiche più attive, come la terapia manuale, che si concentra sul trattamento della causa sottostante del dolore.

Lo Studio Koinè, specializzato in fisioterapia manuale a Firenze, offre un percorso di cura integrato per i dolori cervicali, puntando a un benessere globale e duraturo.

Vuoi scoprire tutti i benefici della terapia manuale? Scopri di più in questo articolo del blog.

Articoli correlati

Cervicale
Raffaele Iorio
11/08/2023