Un uomo in piedi mentre tiene entrambe le mani sulla parte bassa della schiena, probabilmente dolorante a causa del forte male di schiena.

Condividi

Mal di schiena

Gestione del mal di schiena: cause, sintomi, valutazione e trattamenti

Raffaele Iorio

11/08/2023

Condividi

Il mal di schiena è un disturbo comune che colpisce molte persone in tutto il mondo.

In questo articolo, esamineremo le cause, i sintomi, la valutazione, i trattamenti e le misure preventive per il mal di schiena.

Può essere causato da una serie di fattori e può variare da lieve a grave.

Che cos’è il mal di schiena?

La definizione del mal di schiena si riferisce alla sensazione di dolore e rigidità che si manifesta nella zona della colonna vertebrale.

Questo disturbo può coinvolgere diverse parti della schiena, come quella lombare, la sacrale, espandersi sui glutei e, nei casi peggiori, scendere sulle gambe, di solito una delle due, fino anche al piede.

Inoltre, il mal di schiena può manifestarsi in forma acuta, caratterizzata da una durata limitata nel tempo, oppure in forma cronica.

È un problema molto comune che può colpire persone di tutte le età e stili di vita.

Le cause del mal di schiena possono variare, e chiaramente quelle più evidenti sono le lesioni o i traumi fisici, ma i fattori di rischio più comuni sono il mantenimento prolungato di posture, l’eccesso di peso, l’inattività fisica o, al contrario, l’affaticamento derivante dal lavoro fisico quotidiano.

Inoltre, alcune condizioni mediche, come l’artrosi o l’osteoporosi, possono contribuire alla sua insorgenza.

Le sensazioni di dolore o rigidità associate al mal di schiena possono limitare la mobilità e interferire con le normali attività quotidiane.

A seconda della causa e della gravità del disturbo, i sintomi possono variare da lievi a intensi.

Alcune persone possono sperimentare solo fastidi occasionali, mentre altre possono soffrire di dolore costante che influisce sulla qualità della vita.

Quali sono le cause del mal di schiena?

Il mal di schiena può essere causato da vari fattori, tra cui:

  • Ernie discali sintomatiche
  • Cattiva postura (cattiva perché mantenuta nel tempo)
  • Grave sovrappeso o obesità
  • Inattività fisica
  • Problemi strutturali della colonna vertebrale
  • Malattie come artrosi o l’osteoporosi
  • Stress emotivo
  • Traumi che generano lesioni
  • Lavoro fisico quotidiano pesante

ATTENZIONE: queste situazioni non attivano automaticamente il mal di schiena. Avere un’ernia discale o l’artrosi è una condizione anatomica, non per forza produrrà dolore.

Il mal di schiena può manifestarsi in due forme principali: acuta e cronica.

La differenza tra queste due condizioni risiede nella durata del dolore.

Il mal di schiena acuto è caratterizzato da un dolore improvviso e di durata più breve: l’80% di chi ha un attacco di mal di schiena lombare, guarirà spontaneamente in 2-9 settimane.

Spesso le persone ricordano cosa stavano facendo mentre hanno sentito la prima fitta, ed imputano a quel singolo movimento la colpa del loro mal di schiena.

Rivolgersi al fisioterapista è comunque importante anche in caso di  guarigione spontanea, perché con il suo lavoro e le sue indicazioni permetterà all’organismo di indirizzare il suo recupero su binari più fisiologici.

Questo perché il corpo inizia un rimodellamento dei tessuti per poter guarire, ma perché questa guarigione sia più fisiologica possibile, ci vuole l’intervento del fisioterapista.

Un esempio?

Mentre si ha dolore forte, si potrebbe istintivamente scappare dal dolore, inclinando il tronco di lato, e per far sì che questo adattamento non permanga, consultare un fisioterapista può essere una scelta vincente.

D’altra parte, il mal di schiena cronico è una condizione che persiste da almeno 3-6 mesi e compromette la qualità della vita.

Il dolore cronico può essere causato dagli stessi fattori dell’acuto, solo che in questo caso il nostro organismo non riesce più a fare fronte ai problemi generati da queste cause, ed il dolore permane.

Il mal di schiena cronico può provocare dolore che si avverte come sempre presente, intermittente, limitare la funzionalità e influire significativamente sulla qualità della vita.

Spesso richiede un approccio terapeutico più complesso, che può includere trattamenti fisioterapici molto qualificati e modifiche importanti dello stile di vita.

È importante consultare un professionista se si sperimenta mal di schiena acuto o cronico, in modo da ottenere una valutazione accurata e un trattamento adeguato.

Entrambe le forme di mal di schiena richiedono attenzione e cura, ma il mal di schiena cronico richiede un approccio più mirato e a lungo termine per gestire efficacemente il dolore e migliorare la qualità di vita.

I sintomi del mal di schiena

I sintomi del mal di schiena possono manifestarsi in modi diversi da persona a persona.

Ecco una descrizione più dettagliata dei sintomi comuni associati a questa condizione:

  • Dolore nella parte bassa della schiena: spesso il mal di schiena si manifesta con un dolore localizzato nella regione lombare, nella zona inferiore della schiena. Questo dolore può variare in intensità, da lieve a intenso, e può essere descritto come un dolore sordo, pulsante o pungente.
  • Dolore che si irradia verso le gambe: in alcuni casi, il dolore nella zona lombare può estendersi lungo le gambe. Questo dolore può essere accompagnato da una sensazione di bruciore, formicolio o debolezza nelle gambe.
  • Rigidità muscolare: Il mal di schiena può causare una sensazione di rigidità o tensione muscolare nella zona colpita. I muscoli possono diventare rigidi e contratti, rendendo difficile il movimento e la flessibilità.
  • Difficoltà nel piegarsi o nel muoversi: A causa del dolore e della rigidità muscolare, molte persone affette da mal di schiena possono sperimentare difficoltà nel piegarsi, nell’inclinarsi o nel compiere determinati movimenti. Questa limitazione della mobilità può influire sulle attività quotidiane e compromettere la qualità di vita e, a sua volta, portare ad un peggioramento del mal di schiena.
  • Sensazione di intorpidimento o formicolio: In alcuni casi, il mal di schiena può essere associato a sensazioni di intorpidimento o formicolio nella zona interessata o nelle parti del corpo collegate. Questo può essere causato da una compressione delle radici nervose.

    È importante sottolineare che i sintomi del mal di schiena possono variare da persona a persona e dipendono dalla causa sottostante del disturbo. Se si sperimentano questi sintomi o altri sintomi correlati al mal di schiena, è consigliabile consultare un fisioterapista o un medico per una valutazione accurata e un trattamento adeguato.

L’importanza di una corretta valutazione

Per ottenere una valutazione accurata del mal di schiena, è fondamentale andare oltre la semplice valutazione dei sintomi e considerare l’intero quadro del paziente.

Un elemento di grande importanza è la raccolta di informazioni tramite un’anamnesi approfondita della persona nel suo complesso.

Questa consente al professionista di valutare il paziente a tutto tondo, non solo dal punto di vista clinico, ma anche considerando le sue abitudini di vita, la storia medica e familiare, le attività quotidiane e gli eventuali fattori di rischio.

Ottiene così informazioni sulle abitudini posturali, l’attività lavorativa, l’esposizione a fattori di stress, l’eventuale presenza di traumi precedenti, nonché l’utilizzo di farmaci o terapie precedenti.

Queste sono fondamentali per individuare i fattori scatenanti il mal di schiena e personalizzare il percorso di trattamento in base alle esigenze specifiche del paziente.

Una valutazione corretta per il dolore alla schiena consente di evitare il rischio di agire solo sui sintomi, senza affrontare le cause sottostanti.

In conclusione, ottenere una diagnosi accurata del mal di schiena è un processo complesso che richiede una valutazione approfondita del paziente, perché consente di pianificare un trattamento personalizzato per migliorare la qualità di vita del paziente.

Come far passare il mal di schiena?

Il trattamento del mal di schiena dipende dalla causa e dalla gravità del dolore. Alcuni trattamenti comuni includono:

  • Riposo e modifiche dell’attività: Il riposo può aiutare a ridurre il dolore acuto, ma è importante rimanere attivi con moderazione. Modifiche dell’attività quotidiana possono essere necessarie per evitare movimenti o posture che aggravano il dolore.
  • Trattamento farmacologico: che si usino per debellare completamente il dolore, o per poterlo gestire un pò meglio, il loro utilizzo è sempre impostato e controllato dal medico

Oltre ai trattamenti che possono essere applicati durante la fase acuta del mal di schiena, è di fondamentale importanza individuare un percorso terapeutico fisioterapico volto a curare le cause sottostanti e prevenire future recidive.

Tra le terapie più efficaci a lungo termine, la terapia manuale merita sicuramente una considerazione particolare.

La fisioterapia manuale, un aiuto concreto per il mal di schiena

Questo tipo di trattamento si basa sull’utilizzo di tecniche manuali eseguite da fisioterapisti esperti al fine di modulare il dolore, facendolo diminuire, e capire quali siano poi gli esercizi che il paziente dovrà fare al proprio domicilio per una guarigione più fisiologica possibile.

La terapia manuale offre numerosi benefici per coloro che soffrono di mal di schiena.

Innanzitutto, essa è una sorta di pronto soccorso manuale, che mira a ridurre il dolore e l’infiammazione attraverso la mobilizzazione delle articolazioni vertebrali e il rilassamento dei muscoli circostanti.

Questo porta a un immediato sollievo dal dolore e a un miglioramento della mobilità.

Un altro aspetto importante della terapia manuale è la sua capacità di migliorare la circolazione sanguigna e il flusso linfatico nella zona interessata, come diretta conseguenza della minor tensione muscolare. Arrivando il sangue, arrivano nutrienti, acqua ed ossigeno.

Ciò favorisce la rimozione delle tossine e dei prodotti di scarto metabolico, contribuendo alla guarigione e alla rigenerazione dei tessuti.

Da non sottovalutare è anche l’aspetto emotivo della terapia manuale. La possibilità di avere un contatto diretto con un professionista esperto e il fatto di essere ascoltati, curati ed informati riguardo al proprio mal di schiena, possono contribuire a ridurre lo stress e l’ansia associati al dolore.

In conclusione, la terapia manuale rappresenta il migliore percorso terapeutico per il mal di schiena nel breve termine, offrendo numerosi benefici: la riduzione del dolore, un miglioramento della mobilità, e la riduzione del rischio di future ricadute.

Se si soffre di mal di schiena, consultare un professionista esperto in fisioterapia manuale è il primo passo verso un trattamento efficace e una migliore qualità di vita.

Inoltre, per mantenere una buona salute è fondamentale seguire alcuni principi di buona prevenzione.

I principi di buona prevenzione

  • Esercizi di stretching e rafforzamento: Esercizi specifici che aiutano a rafforzare i muscoli della schiena e migliorare la flessibilità.
  • Mantenere una postura corretta: Una postura corretta durante le attività quotidiane, come sedersi o sollevare oggetti, può ridurre lo stress sulla colonna vertebrale. Si ricordi che una postura corretta è soprattutto una postura che cambia spesso.
  • Sollevamento corretto degli oggetti pesanti: Quando si sollevano oggetti pesanti, è importante piegarsi correttamente dalle ginocchia e non dalla vita.
  • Stile di vita sano: per prevenire il mal di schiena. Adottare uno stile di vita sano può contribuire a prevenire il mal di schiena.

Alcuni suggerimenti includono:

  • Alimentazione equilibrata: Una dieta sana ed equilibrata può aiutare a mantenere un peso corporeo sano e fornire i nutrienti necessari per una buona salute della schiena.
  • Mantenimento del corretto peso corporeo: L’eccesso di peso può mettere una pressione aggiuntiva sulla colonna vertebrale, quindi mantenere un peso sano è importante per prevenire il mal di schiena.
  • Evitare il fumo: Il fumo è una fattore di infiammazione sistemico, vuol dire che porta rischio di infiammazione in tutto il corpo, quindi anche nella tua schiena.
  • Gestione dello stress: Lo stress può contribuire al mal di schiena. Pratiche come il rilassamento, lo yoga o la meditazione possono aiutare a gestire lo stress e ridurre il rischio di mal di schiena.

Conclusioni

Il mal di schiena è una condizione comune che può causare disagio e limitare la qualità della vita. È fondamentale comprendere le cause, i sintomi, le opzioni di trattamento e le misure preventive per gestire il mal di schiena in modo efficace.

Adottare uno stile di vita sano è un aspetto cruciale per prevenire e affrontare il mal di schiena. Ciò include seguire alcuni comportamenti che possono ridurre il dolore e aiutarti a prevenire ricadute.

In ogni caso, è essenziale trovare un percorso di cura adeguato e specifico per le proprie esigenze.

Per questo come fisioterapista esperto nella cura del dolore alla schiena da oltre 16 anni metto a disposizione delle persone una consulenza telefonica gratuita per analizzare il caso specifico e approfondire le cause del dolore alla schiena.

Il mio approccio terapeutico combina l’utilizzo di tecniche manuali specifiche con l’attenzione alla postura, al movimento e alla consapevolezza corporea.

Attraverso una valutazione completa del paziente, il metodo Fisio 4.0 mira a individuare e trattare le cause sottostanti del mal di schiena, oltre a fornire strumenti pratici per migliorare la postura e prevenire recidive.

Ogni persona è unica e richiede un approccio specifico per gestire il proprio mal di schiena. Quindi, se vuoi parlare della tua situazione, fissa la tua consulenza.

FAQ

Posso fare esercizi se ho mal di schiena?

In generale sì, come quelli che promuovono la diminuzione del dolore, che sono di solito movimenti che il tuo fisioterapista capisce già in prima seduta. Possono essere associati a stretching e posture di scarico della colonna.

Cosa posso fare per prevenire il mal di schiena?

Alcune misure preventive includono esercizi di stretching e rafforzamento, mantenimento di una postura corretta, sollevamento corretto degli oggetti pesanti ed evitare l’eccessivo stress fisico.

Quanto tempo ci vuole per recuperare da un mal di schiena?

Il tempo di recupero da un mal di schiena dipende dalla causa e dalla gravità del dolore. In genere, la maggior parte dei casi di dolore alla schiena si risolve spontaneamente entro poche settimane, e con un trattamento fisioterapico adeguato la guarigione avviene sicuramente in modo più fisiologico, diminuendo il rischio che il problema si ripresenti.

Articoli correlati


Deprecated: Creation of dynamic property ElementorPro\Modules\LoopBuilder\Files\Css\Loop::$post_id is deprecated in /www/raffaeleiorio_819/public/wp-content/plugins/elementor-pro/modules/loop-builder/files/css/loop.php on line 58
Cervicale
Raffaele Iorio
11/08/2023